Real Sasso, Lucania: "Stagione esaltante. Finale? Che sia una festa"

Real Sasso in campo, vs Frattaminorese
Real Sasso in campo, vs Frattaminorese

NAPOLI. Nel prossimo weekend in campo le finali playoff del campionato di Seconda Categoria Campania, nel girone F il Real Sasso '12 grazie ad una roboante vittoria per cinque reti a zero contro l'Atletico Baiano si è guadagnato il diritto di sfidare la Nuova Vapor Marzano per l'accesso al prossimo campionato di Prima Categoria Campania.

Ai nostri microfoni il tecnico della Real Sasso '12, Antonio Lucania, ha analizzato la stagione della sua squadra con un occhio di riguardo per la finalissima contro gli irpini: "Il nostro obiettivo ad inizio stagione erano i playoff, la scorsa stagione pur chiudendo il campionato al quinto posto non riuscimmo a disputarli a causa dell'ampio distacco dalla seconda in classifica, finire dunque il campionato da terzi con ben 51 punti è stato per noi motivo di grande soddisfazione ed orgoglio. Al termine del girone d'andata eravamo ad un passo dalla vetta poi c'è stato qualche problema per quanto riguarda i portieri, perso l'estremo difensore titolare abbiamo dovuto ovviare con una soluzione temporanea ma la stagione si è conclusa comunque nel migliore dei modi".

Primo turno playoff superato alla grande, ora testa alla finale: "La realtà di Sasso è piccola, parliamo di un paese di mille abitanti, tutti i ragazzi che sono venuti a giocare qui quest'anno lo hanno fatto non per soldi ma per puro divertimento. La società non ha costruito la squadra per vincere il campionato ma per divertirsi, e ci siamo riusciti fino a domenica scorsa, spero dunque si possa continuare su questa linea e mi auguro che la finale con la Vapor Marzano sia una festa dello sport, una giornata di calcio e null'altro. La semifinale è stata giocata in un bel clima, prima e dopo la partita, al di là della grande vittoria c'è stato rispetto in campo ed alla fine abbiamo organizzato un buffet al quale hanno preso parte anche avversari, commissari di campo ed arbitri, credo sia questo lo spirito che dovrebbe sempre mantenere il calcio minore".

Precedenti amari in campionato: "Quel che avevo da dire alla squadra l'ho detto, ringraziamenti per i ragazzi e per la società che ci ha sempre sostenuto, portare una realtà piccola come il Real Sasso così in alto per me è già una vittoria. Nella sfida d'andata perdemmo due a uno, però voglio ricordare che eravamo in vantaggio e che la sfida fu ribaltata solo nei minuti finali, in quell'occasione mancò un pò di concretezza e dopo aver fallito più volte la palla del raddoppio arrivò la sconfitta. Al ritorno in irpinia, col campo che era soggetto a squalifica, perdemmo di misura ancora nei minuti finali ma ci furono alcuni episodi spiacevoli extra-campo che mi auguro di non rivedere nel prossimo fine settimana, godiamoci tutti questa finale nel rispetto reciproco indipendentemente da quello che sarà il verdetto del campo".  

Luigi Langellotti