Terza Categoria D: il GS cambia la classifica

Cambia il vertice della classifica nel gruppo D di Terza Categoria, dove il Tufara Valle conquista la vetta per effetto della decisione della giustizia sportiva d'infliggere al Sant'Angelo A Scala la sconfitta per 0-3 nel match coi giallorossi. La gara fu sospesa al 90° sul risultato di 1-1.

GARA S. ANGELO A SCALA - TUFARA VALLE DEL 14/04/2018

Il GST, letto il referto arbitrale e l’allegato supplemento, sentito l’arbitro a chiarimento, preliminarmente rileva l’assenza della Forza Pubblica, rileva altresì che al 49° del secondo tempo, mentre l’arbitro si accingevaa notificare il provvedimento di espulsione al calciatore in panchina Pellino Ugo della soc. S. Angelo all’Escae al calciatore Fucci Pierluigi della società ospite per reciproche scorrettezze, entrava in campo una personaestranea per spintonare il sig. Fucci. L’episodio generava un parapiglia generale a cui partecipavano gran partedei tesserati di entrambe le società. A questo punto, mentre il DDG si allontanava dal luogo della rissa, veniva raggiunto da altro sostenitore della società ospitante che lo ingiuriava e minacciava, costringendolo a raggiungere anzitempo il proprio spogliatoio mentre decretava, col triplice fischio, la fine anticipata della gara, non ritenendo vi fossero più le condizioni per poterla portare a termine per l residui minuti di recupero, vistaanche l’assenza della Forza Pubblica. Nello spazio antistante lo spogliatoio, inoltre, riceveva ulteriori minacce da persone non identificate riconducibili a sostenitori locali. Tanto premesso, considerato che la responsabilitàdei fatti accaduti e del mancato prosieguo dell’incontro è da attribuirsi esclusivamente alla società ospitante,che aveva l’obbligo di assicurare l’ordine pubblico e garantire la sicurezza della persone presenti all’interno dell’impianto di gioco, in applicazione dell’art. 17 CGS

delibera di infliggere alla soc. S. Angelo a Scala la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di

0-3. Per i provvedimenti disciplinari, si rinvia alla camicia di gara.

La Redazione