Eccellenza, Saginario è l'occasione giusta per tanti club

Saginario in azione
Saginario in azione

Insieme a Felice Pepe fu tra i migliori interpreti di quel Cervinara che sfiorò una clamorosa promozione in D, che poi ottenne, sempre accanto al centrale apicese, il successivo settembre col trasferimento alla Sarnese.

C'erano tutte le condizioni per la consacrazione definitiva di Piergiuseppe Saginario (92'), sfortunato, però, all'esordio nel massimo campionato dilettantistico e nel conseguente rientro a Cervinara dove faticò ad entrare nei meccanismi del neo-mister Iuliano.

Adesso il mediano di Pietrelcina cerca il rilancio in un torneo, quello d'Eccellenza, che, conosciutene corsa, sacrificio e dinamismo lo collocò tra i migliori appena due campionati or sono.

"Dopo la scorsa stagione iniziata alla Sarnese - ha spiegato Saginario - dove ho avuto delle difficoltà iniziali figlie squalifica pendente dell'anno precedente, mi sono ritrovato contribuendo alla causa al mio primo anno di D. Quando c'è stato il cambio di guida tecnica a metà novembre, con l avvento di mister Condemi, ho giocato tre partite da titolare su tre, ma avevo dato già parola al Cervinara, piazza alla quale il mio cuore non poteva esitare a dire sì. Purtroppo mi è dispiaciuto per come è proseguito il campionato e per come sia finita, ma faccio un in bocca al lupo ai miei ex compagni di squadra, nonché amici, augurandogli di raggiungere i traguardi prefissati. Quest'anno ho avuto varie richieste, alcune vicine e alcune fuori regione, ma sto aspettando un progetto serio che possa credere in me e valorizzare al meglio le mie doti. Sono fiducioso per questa stagione anche perché assistito da Stefano Squitieri e dall avv. Valentino Viviani, due professionisti seri e dai grandi valori umani"

Valentino Nigro