Ci risiamo: falso osservatore arbitrale svaligia spogliatoio e rimessa

Lo spogliatoio del Castelpoto
Lo spogliatoio del Castelpoto

Ci risiamo: lo spiacevole episodio che il 22 settembre accadde alle compagini di Montesarchio e Virtus Liburia al "Pignatelli" di San Martino Valle Caudina si è, purtroppo, ripetuto ieri sera al campo Comunale di Castelpoto in occasione del match di Coppa Campania Prima Categoria tra la compagine locale allenata da mister Vetrone ed il Paolisi 2000.

Anche questa volta una persona munita di tesserino all'apparenza regolare si è presentato al campo di gioco qualificandosi come osservatore arbitrale e come tale ottenendo l'accesso a tutte le aree della struttura. Il ladro-osservatore ha, come nell'episodio di settembre, svolto il proprio lavoro come da "copione" facendo controlli, domande e interloquendo anche con il direttore di gara. In base a quanto raccontato da Gianluca Muccio, D.g. del Castelpoto, poco prima che le squadre scendessero in campo, il malfattore ha chiesto di poter usare la toilette che si trova negli spogliatoi degli ospiti ottenendo ovviamente l'autorizzazione. Dopo circa 10 minuti, completato "l'atto", il finto osservatore abbandona la struttura facendosi aprire il cancello dal custode dicendo che doveva raggiungere il padre che aveva avuto un problema e dileguandosi. Ovviamente le squadre si sono accorte del furto solo al termine della partita. Il ladro è riuscito ad introdursi anche nel magazzino del Castelpoto portando via un Gps usato negli allenamenti e un cronometro. 

Il Castelpoto ed il Paolisi 2000 hanno immediatamente denunciato l'accaduto ai carabinieri e fatto notare che l'episodio era una replica di quello avvenuto a settembre. I militari, avvertita la stazione di San Martino, faranno visionare alle vittime del furto delle foto per appurare se l'autore dell'atto criminale sia stato lo stesso.

Queste le parole del D.g. Muccio ai nostri microfoni: "Chiediamo sicurezza: non è possibile che noi società siamo costretti a fare entrare nelle nostre strutture chiunque esibisca un tesserino. E' necessario che l'arbitro venga avvisato in caso di visita di un commissario di campo così come le società devono essere avvisate in caso di arrivo di un osservatore arbitrale in modo da avere dati certi in mano con i quali raffrontare quelli forniti dal "presunto" commissario o osservatore. Facciamo già tanti sacrifici per portare avanti la nostra passione e ci sembra eccessivo dover subire anche furti quando si potrebbero evitare con semplici accorgimenti. Chiediamo fermamente l'identificazione di tutti coloro hanno diritti di accesso alle strutture per evitare il diffondersi di un fenomeno molto pericoloso quale quello che si è verificato sia da noi che in occasione di Montesarchio-Virtus Liburia, gara di Promozione".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:CASTELPOTO PAOLISI 2000