Russomanno beffa la Scafatese, Virtus Avellino corsara

Eccellenza
Eccellenza

Sconfitta beffa per la Scafatese che domina (15 tiri in porta e 60 % di possesso palla) ma perde in casa della Virtus Avellino, brava e cinica a colpire nella ripresa con l'unica vera occasione da gol.

Sul prato in sintetico del "Comunale" di Serino va in scena un match completamente a specchio rispetto alla gara d'andata: all'epoca fu il capitano Avino a portare la vittoria ai canarini con i biancoverdi padroni del campo, mentre oggi i gialloblu mostrano di avere una marcia in più fin dai primi minuti, con Roghi in gran spolvero che crea scompiglio sul lato destro, al punto da costringere il tecnico avellinese Criscitiello a cambiare dopo soli 20 minuti lo scacchiere iniziale.

Dopo il campo i padroni di casa registrano la fase difensiva e il primo tempo va via senza grossi patemi, fatta eccezione per il colpo di testa da angolo di Sperandeo che termina di poco a lato.

Nella ripresa il leit motiv della gara non cambia e la Scafatese si rende pericolosa al 50' quando Roghi va nuovamente via sulla destra e trova a rimorchio Apredda che apre troppo il piatto e non centra lo specchio. Al 57' buona punizione di Siciliano parata da Robertiello che riesce a superarsi anche un minuto dopo quando chiude lo specchio sulla conclusione ravvicinata di Sperandeo, bravissimo a liberarsi sul lancio lungo ma fin troppo sbilanciato al momento della conclusione.

Passano ancora 60 secondi e Robertiello tira un sospiro di sollievo per il tiro di Siciliano che sibila al fianco del palo ma al 62' sono i biancoverdi a passare in vantaggio: fendente di Russomanno che trova la respinta di Menzione, il numero 9 è bravo a riproiettarsi sulla sfera e a spedirla nella porta sguarnita.

La Scafatese non accusa il colpo e continua a produrre gioco: al 66' cross di Siciliano e sforbiciata volante di Roghi che termina fuori di un nulla. Al 74' la Scafatese resta in superiorità numerica per l'espulsione di Viscido, Contaldo prova a rimettere in equilibrio il match e inserisce un'altra punta, Giovanni Longobardi, e la mossa dà subito i suoi frutti: al primo pallone toccato l'ex Juve Stabia protegge benissimo sul difensore avversario, allarga per Roghi che tesse un cross bellissimo per Sperandeo che, di testa, colpisce la traversa a Robertiello battuto.

L'estremo difensore locale, migliore in campo dei suoi, diventa l'eroe di giornata all'87' quando, con ottimi riflessi, salva sulla linea coi piedi sul colpo di testa di Russo, dopo che il difensore centrale classe 2000 era stato bravissimo a rubare il tempo alla retroguardia avellinese.

Passa un minuto e il portiere biancoverde dice no anche alla girata di Roghi e, già nel recupero, al tiro di Esposito Marcello. L'ultima occasione capita sulla testa di Sperandeo che però non riesce a correggere in porta il traversone di Rinaldi.

Il triplice fischio di Pascuccio condanna una buona Scafatese che viene risuperata in classifica proprio dalla Virtus Avellino. Gli uomini di Contaldo dovranno proiettare il pensiero già alla sfida casalinga con la Battipagliese di domenica prossima.

TABELLINO

VIRTUS AVELLINO: Robertiello, Modano 01 (58' Mariconda 02), Trifone, Viscido, Ruggiero 01 (20' Tozza 00), Pascuccio, Alleruzzo, Ammendola, Russomanno (76' Cucciniello), Lattarulo, Petriccione 99 (50' De Simone 00).A disposizione: Pennacchio 02, De Simone 00, Celentano 01, Tozza 00, Simeri, Cucciniello, De Maio 99, Mariconda 02, Todino.All: Criscitiello

SCAFATESE: Menzione 00, Sannino 00, Manzo, Rinaldi, Orientale, Amendola Ciropaolo (68' Longobardi), Apredda 02 (68' Esposito Marcello 02), Avino (92' Vitiello), Sperandeo, Siciliano, Roghi.A disposizione: Capasso 00, Esposito Marcello 02, Russo 00, Nina 99, Vitiello, Barra 99, Longobardi, Amendola ClaudioAll: Contaldo

RETI: 63' Russomanno

Arbitro: Pascuccio di Ariano IrpinoAssistenti: Cecere e Iazzetta di Frattamaggiore

Note: ammoniti: Ammendola, Tozza, Roghi. Espulso: Viscido . Calci d'angolo: 4-4

Pasquale Formisano Responsabile Ufficio Stampa Scafatese Calcio 1922

La Redazione