Tufara, Buonanno infiamma la torcida: “La nostra gente vale i 3 punti” - I AM CALCIO AVELLINO

Tufara, Buonanno infiamma la torcida: “La nostra gente vale i 3 punti”

Al centro Buonanno
Al centro Buonanno
AvellinoSeconda Categoria Girone B

Sempre nell’ombra, il direttore generale Cristian Buonanno è tra i principali artefici del miracolo Tufara Valle, la matricola terribile del gruppo B di Seconda Categoria che giocherà sabato lo scontro diretto col Rione Libertà.

Non mi piace giocare a nascondino - ha dichiarato il giovane dirigente caudino - e non ho tollerato quanti l’abbiano fatto sin dall’inizio della stagione. Ho letto troppe volte di squadre attrezzatissime che, su pagine cartacee e online, negavano velleità di primo posto. Dal mio canto, vi dico che sarei ipocrita nel sostenere che non m’aspettavo assolutamente questa situazione di classifica alla vigilia del torneo; eravamo ben consapevoli di valore e potenzialità della rosa che abbiamo allestito in estate. Ciò non deve comunque sminuire l’impresa di mister e calciatori, che hanno lottato contro ogni avversità (in primis la questione campo), e senza rimborsi (ride, ndr), per consentire alla nostra gente di sognare a 360 giri di lancette dal termine della stagione regolare".

Ed è proprio al popolo giallorosso che va l’accorato appello di Buonanno in vista del clou del "Canada-Cioffi" di sabato: "Ai ragazzi non dico nulla. Sanno già tutto e quel poco che gli manca sarà mister Pagnozzi a farglielo capire. Io mi rivolgo alla nostra gente, che ci è stata sempre vicina e che sabato può risultare ancor più determinante. Il nostro progetto assume sin dal principio Tufara Valle come punto di riferimento ma abbraccia anche i tanti paesi limitrofi. Per fortuna l’idea è stata approvata e condivisa da tutti, come prova il grosso seguito di queste due stagioni. Sabato voglio un "Canada" che sugli spalti possa quantomeno somigliare a quello che ospita l’appassionata torcida cervinarese. Sabato non c’è lavoro, pranzo in famiglia, Benevento o altro impegno che tenga. Ci giochiamo un piccolissimo pezzo di campionato ma, consentitemelo, anche una bella fetta di storia. Dobbiamo farlo insieme; calciatori in campo, mister, panchina e tifosi. In gare del genere il pallone lo butta dentro soprattutto chi sta al di là della recinzione”.

La Redazione

Seconda Categoria Girone B

ClassificaRisultatiStatistiche